Assunzione di assistenti sociali: primi effetti della legge di Bilancio

Le norme inserite nell’ultima legge di Bilancio – pur con i limiti che stiamo cercando di superare con ulteriori correzioni – cominciano a produrre i primi effetti rilanciando la figura di professionisti che, ancor più nell’emergenza in corso, si sono dimostrati indispensabili per la tenuta sociale del Paese.
Dalla Calabria alla Lombardia arrivano notizie di “lavori in corso” per l’assunzione di assistenti sociali con l’obiettivo di raggiungere la soglia di un professionista ogni 5000 abitanti – nella legge ci si spinge ad auspicarne uno ogni 4000 – perché si realizzino quei livelli essenziali ancora irraggiungibili.
Bisogna vigilare nel territorio perché gli enti locali investano tutte le risorse già disponibili, mentre, a livello centrale, continueremo a interloquire con i decisori politici perché si superino quei vincoli che rendono difficile migliorare la situazione proprio in quelle parti d’Italia – soprattutto al Sud, ma anche in aree del Centro e del Nord – che hanno più bisogno della nostra presenza.