Su agenzie e siti il nostro: “Il disagio sociale non si cancella, si cura ogni giorno”

Anche in occasione della nostra partecipazione agli Stati Generali, abbiamo avuto l’attenzione dei media. Ecco la rassegna stampa.

 

ANSA

Fase 3: Gazzi, disagio sociale non si cancella si cura
ZCZC0663/SXA XCI57471_SXA_QBXB R POL S0A QBXB Fase 3: Gazzi, disagio sociale non si cancella si cura Presidente Assistenti Sociali, basta precarieta’ (ANSA) – ROMA, 22 GIU – “Davanti al Governo, dal presidente Conte, a ministri, vice ministri e sottosegretari abbiamo portato i bisogni e le speranze dei ‘figli di un dio minore’ ai quali cerchiamo di dare risposte con il nostro lavoro quotidiano. La nostra presenza agli Stati Generali, dopo quella del 2 Giugno all’Altare della Patria, e’ il riconoscimento di un impegno e di una professione sempre in prima linea e fondamentale per la tenuta del Paese, ancor piu’ in momenti drammatici come quelli che abbiamo vissuto – e purtroppo viviamo ancora – a causa del Covid-19”. Lo afferma, in una nota, il presidente del Consiglio dell’Ordine degli Assistenti Sociali, Gianmario Gazzi dopo la partecipazione agli Stati Generali di Villa Pamphili. “Ci sono persone che – aggiunge – stanno ancora aspettando la riapertura dei servizi territoriali e l’unica possibilita’ e’ organizzare uffici e persone in modo da dare continuita’ a ‘cure’ che non sono sanitarie, ma senza le quali c’e’ chi vive al di sotto di qualsiasi livello di dignita’. Da 20 anni aspettiamo non soltanto i livelli essenziali delle prestazioni, ma le garanzie di diritti sociali negati a bambini e famiglie in difficolta’, persone con disabilita’, anziani soli… Senza l’integrazione socio sanitaria tutto cio’ non e’ possibile e nulla potra’ essere fatto se si continuera’ lavorare nell’emergenza e nella precarieta’. I decreti in approvazione – sottolinea – segnano dei passi avanti, ma l’investimento deve essere di prospettiva perche’ le carenze strutturali si sono aggravate e perche’ non si puo’ credere nel welfare a tempo determinato. E il disagio sociale non si cancella in qualche mese, ma si cura con costanza”. “Ci hanno ascoltati in tanti – conclude – : la ministra Azzolina, i ministri Gualtieri, Patuanelli, Speranza che torniamo a ringraziare per averci coinvolti fin dal suo arrivo alla Salute, il viceministro Sileri e la sottosegretaria Zampa. Abbiamo portato un nostro documento che non e’ un libro dei sogni ma una traccia minima senza la quale non si potra’ davvero dire di voler cambiare strada”. (ANSA). COM-DE 22-GIU-20 09:38

DIRE

STATI GENERALI. CNOAS: DOCUMENTO PER CAMBIARE STRADA, BASTA PRECARIETÀ
DRS0034 3 LAV 0 DRS / WLF STATI GENERALI. CNOAS: DOCUMENTO PER CAMBIARE STRADA, BASTA PRECARIETÀ (DIRE) Roma, 22 giu. – “Davanti al Governo, dal presidente Conte, a ministri, vice ministri e sottosegretari abbiamo portato i bisogni e le speranze dei figli di un dio minore ai quali cerchiamo di dare risposte con il nostro lavoro quotidiano. La nostra presenza agli Stati Generali, dopo quella del 2 Giugno all’Altare della Patria, e’ il riconoscimento di un impegno e di una professione sempre in prima linea e fondamentale per la tenuta del Paese, ancor piu’ in momenti drammatici come quelli che abbiamo vissuto e purtroppo viviamo ancora a causa del Covid-19”. Cosi’ il presidente del Consiglio dell’Ordine degli Assistenti Sociali, Gianmario Gazzi dopo la partecipazione agli Stati Generali di Villa Pamphili. “Ci sono persone- spiega Gazzi- che stanno ancora aspettando la riapertura dei servizi territoriali e l’unica possibilita’ e’ organizzare uffici e persone in modo da dare continuita’ a cure che non sono sanitarie, ma senza le quali c’e’ chi vive al di sotto di qualsiasi livello di dignita’. Da 20 anni aspettiamo non soltanto i livelli essenziali delle prestazioni, ma le garanzie di diritti sociali negati a bambini e famiglie in difficolta’, persone con disabilita’, anziani soli… Senza l’integrazione socio sanitaria tutto cio’ non e’ possibile e nulla potra’ essere fatto se si continuera’ lavorare nell’emergenza e nella precarieta’. I decreti in approvazione segnano dei passi avanti, ma l’investimento deve essere di prospettiva perche’ le carenze strutturali si sono aggravate e perche’ non si puo’ credere nel welfare a tempo determinato. E il disagio sociale non si  cancella in qualche mese, ma si cura con costanza”. “Ci hanno ascoltati in tanti – conclude – : la ministra Azzolina, i ministri Gualtieri, Patuanelli, Speranza che torniamo a ringraziare per averci coinvolti fin dal suo arrivo alla Salute, il viceministro Sileri e la sottosegretaria Zampa. Abbiamo portato un nostro documento che non e’ un libro dei sogni ma una traccia minima senza la quale non si potra’ davvero dire di voler cambiare strada”. (DIRE).RAI 22-GIU-20 09:43

SANITA’ INFORMAZIONE

 

Stati Generali, Gazzi (CNOAS): «Servono investimenti di prospettiva, disagio sociale non si cancella in qualche mese»

ADNKRONOS

FASE 3: GAZZI (ASSISTENTI SOCIALI) A STATI GENERALI,’DISAGIO NON SI CANCELLA, SI CURA’ =
ADN0302 7 ECO 0 ADN ECO NAZ FASE 3: GAZZI (ASSISTENTI SOCIALI) A STATI GENERALI,’DISAGIO NON SI CANCELLA, SI CURA’ = “Abbiamo portato un nostro documento che non è un libro dei sogni” Roma, 22 giu. (Adnkronos/Labitalia) – “Davanti al Governo, dal presidente Conte, a ministri, vice ministri e sottosegretari abbiamo portato i bisogni e le speranze dei ”figli di un dio minore” ai quali cerchiamo di dare risposte con il nostro lavoro quotidiano. La nostra presenza agli Stati Generali, dopo quella del 2 giugno all’Altare della Patria, è il riconoscimento di un impegno e di una professione sempre in prima linea e fondamentale per la tenuta del Paese, ancor più in momenti drammatici come quelli che abbiamo vissuto – e purtroppo viviamo ancora – a causa del Covid-19″. Così il presidente del Consiglio dell’Ordine degli Assistenti Sociali, Gianmario Gazzi dopo la partecipazione agli Stati Generali di Villa Pamphili. “Ci sono persone che stanno ancora aspettando la riapertura dei servizi territoriali e l’unica possibilità è organizzare uffici e persone in modo da dare continuità a ‘cure’ che non sono sanitarie, ma senza le quali c’è chi vive al di sotto di qualsiasi livello di dignità -continua Gazzi-. Da 20 anni aspettiamo non soltanto i livelli essenziali delle prestazioni, ma le garanzie di diritti sociali negati a bambini e famiglie in difficoltà, persone con disabilità, anziani soli. Senza l’integrazione socio sanitaria tutto ciò non è possibile e nulla potrà essere fatto se si continuerà lavorare nell’emergenza e nella precarietà”. (segue) (Map/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 22-GIU-20 10:58

FASE 3: GAZZI (ASSISTENTI SOCIALI) A STATI GENERALI,’DISAGIO NON SI CANCELLA, SI CURA’ (2) =
ADN0303 7 ECO 0 ADN ECO NAZ FASE 3: GAZZI (ASSISTENTI SOCIALI) A STATI GENERALI,’DISAGIO NON SI CANCELLA, SI CURA’ (2) = (Adnkronos/Labitalia) – “I decreti in approvazione segnano dei passi avanti, ma l’investimento deve essere di prospettiva perché le carenze strutturali si sono aggravate e perché non si può credere nel welfare a tempo determinato. E il disagio sociale non si cancella in qualche mese, ma si cura con costanza”, aggiunge Gazzi che ricorda: “Ci hanno ascoltati in tanti: la ministra Azzolina, i ministri Gualtieri, Patuanelli, Speranza che torniamo a ringraziare per averci coinvolti fin dal suo arrivo alla Salute, – il viceministro Sileri e la sottosegretaria Zampa. Abbiamo portato un nostro documento che non è un libro dei sogni – conclude – ma una traccia minima senza la quale non si potrà davvero dire di voler cambiare strada”. (Map/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 22-GIU-20 10:58

QUOTIDIANO SANITA’

https://www.quotidianosanita.it/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=86406

 PANORAMA SANITA’

Fase 3, Gazzi (Cnoas): Il disagio sociale non si cancella, si cura ogni giorno

 

SIR

Stati generali: Gazzi (assistenti sociali), “il disagio non si cancella, si cura ogni giorno. Basta precarietà”