Prorogare i contratti a termine o saltano Reddito di cittadinanza e Rei

“Prorogare l’impiego di chi segue il Reddito di cittadinanza e il Rei o, nel 2020 i provvedimenti di contrasto alla povertà, pur con i loro limiti, smetteranno di funzionare”.
L’allarme lo lancia il presidente dell’Ordine degli Assistenti Sociali, Gianmario Gazzi, chiedendo che prossimo decreto Milleproroghe accolga la proroga, fino a un massimo di 24 mesi, contenuta negli emendamenti presentati da numerosi parlamentari.
“Se, pur intensificando i controlli e perseguendo chi approfitta, vogliamo assicurare la continuità dei progetti di assistenza e accompagnamento previsti dalle misure di contrasto alla povertà, alle diseguaglianze e all’esclusione sociale. Se al di là delle parole non vogliamo che l’erogazione del Rdc o del Rei si blocchino – spiega – è necessario che si proroghino oltre 2000 contratti a tempo determinato stipulati per l’assunzione di assistenti sociali e di altri operatori in scadenza quest’anno”.
“Dalle strutture territoriali arrivano alert di ogni tipo. Da un momento all’altro mancherebbero 160 assistenti sociali a Napoli, 120 a Roma… professionisti e operatori specificamente formati su cui lo Stato ha investito e stanno già lavorando con le persone nelle periferie. Un disastro. Il nostro appello  – conclude – perché gli emendamenti già ammessi abbiano il sì di tutto il Parlamento”..